NOME: VINCENZO COSTANTINO
ALIAS: CHINASKI
PROFESSIONE: POETA BARDO
CITAZIONE: “IL BAR NON TI REGALA RICORDI MA I RICORDI PORTANO SEMPRE AL BAR!

  …una passeggiata ideale fra marciapiedi sapienti ed etica da bar, con Vincenzo Costantino Chinaski, autore del libro: Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare, e del disco: Smoke.

chinaski foto

Mi pare assodato che il Bar è un elemento indispensabile nel (sopra)vivere dell’uomo – Il Bar non ti regala ricordi ma i ricordi ti portano sempre Al Bar. – invece, il Barrio è altrettanto indispensabile?
Il Bar non è essenziale, ma visto che esiste diventa un confessionale, un luogo di rifugio sentimentale e quando lo si scambia per una arena si crea confusione. Il quartiere è invece la tutela dei sentimenti, è il grembo …indispensabile.

Per te, da cosa è rappresentato il Barrio?
Dai luoghi del quartiere che mi concedono tregua e accoglienza, così come la gente del quartiere.

Credi ci sia stato un piano studiato dai cosiddetti poteri forti atto a farci chiudere tutti in casa a chattare nella nostra solitudine evitando dunque di popolare le strade?
Non credo nei piani prestabiliti, ma nell’indole umana a non riconoscere mai, o quasi mai l’oltre l’altrove e l’importanza che hanno le impronte che si lasciano camminando.

Il nuovo trend pare sia quello di prendersi molta cura di sé… smettere di fumare perché nuoce gravemente alla salute; fare jogging o andare in palestra; bere Responsabilmente; una dieta equilibrata…
Siamo destinati a diventare un popolo di sani oppure semplicemente moriremo sani?
Siamo destinati all’uguaglianza, all’omologazione, alla massificazione, siamo destinati alla quantità.
La qualità sarà come il merito, il gesto rivoluzionario.

Anni fa ho intervistato Capossela. Lui mi disse che tu sei quell’amico che conosce ed insegna le cose veramente indispensabili nella vita, ad esempio: “quando è opportuno ubriacarsi e quando non lo è.”
Puoi spiegarmi questo aspetto? Quando NON è opportuno e quando invece lo è particolarmente?
Ne parlo solo con gli amici, e in privato.

La discografia e la letteratura rappresentano un mercato particolarmente in crisi al momento. La gente è sempre più informata ma legge sempre meno, e ascolta musica su youtube ma non compra più cd.
Tu hai fatto un disco – bellissimo oltretutto – in cui leggi tue poesie su sottofondo/contorno musicale… non hai capito un cazzo oppure in fondo sei un inguaribile ottimista nonostante tutto?
Sono un inguaribile romantico perché non ho capito un cazzo , ma ho capito che le cose le fai a prescindere dalla quantità. non mi interessa quanto vende il mio disco, ma chi ha il coraggio di acquistarlo.

copertina

L’Uomo riuscirà a salvare l’Uomo?
Solo se riuscirà a capire e amare la donna.

I marciapiedi ci riconoscono?
No, ci conoscono, sono i custodi delle nostre solitudini.

Per un poeta Bardo, qual’è oggi il gesto più epico?
Sopravvivere di poesia.

Perché Ulisse ti è sempre stato sul cazzo?
Perché rappresenta il furbo, l’intelligenza al servizio del più forte.

Credi in Dio? E se si, come te lo immagini?
Credo nell’azzardo e nella scommessa e ho scommesso che qualcosa o qualcuno c’è, e se c’è
me lo immagino Donna, con peli pubici e ascellari bleu.

Pedro Juan Gutierrez sostiene che sia un tempo molto difficile per i poeti, perché non c’è nulla di bello di cui cantare o scrivere.
È possibile trovare lirismo nella “monnezza”. Ma, dove credi che oggi si possa trovare la bellezza?
Non mi riguarda, perché è relativo. Non cerco la bellezza ma solo vita, che mi faccia ridere o piangere per poi restituirla a chi non se ne accorge.
Sai quante lacrime e sorrisi sono andati persi e invece avrebbero potuto salvare le giornate.

Grazie per il tempo che mi hai dedicato. 
Prego.

.